La locomotiva cinese si è fermata?

Chi legge Inimicizie sa che su queste pagine si parla sempre di una Cina in ascesa. In effetti, tutti (o quasi) i fattori macroeconomici, diplomatici e militari puntano in questa direzione.

La crescita del PIL, l’espansione economica nelle industrie a tecnologia avanzata, il controllo di alcune cruciali materie prime, l’espansione delle infrastrutture in tutta l’Eurasia e oltre, la crescita a rotta di collo delle forze armate; non mentono.

La Cina è la potenza con cui tutti vogliono parlare, con cui tutti devono parlare, a latere dei tentativi di ostracizzazione degli angloamericani e di decoupling della Cina stessa. Dalla Russia all’Ucraina, dalla Polonia alla Germania, dall’India al Pakistan. E’ la potenza che – piaccia o non piaccia – più di tutte contribuirà a creare un nuovo ordine mondiale.

Riteniamo inoltre che la Cina sia stata – insieme agli USA – la grande vincitrice della guerra in Ucraina, sottraendo agli europei enormi quote del mercato russo ed ottenendo accesso ad un’enorme fonte di energia, che in alcuni momenti è arrivata addirittura al punto di ri-esportare. Guadagnando posizioni in Asia Centrale e vedendo decrescere il dominio del dollaro a causa delle “sanzioni a doppio taglio” praticate e sponsorizzate dall’Anglosfera.

Gli amici del canale telegram The Dome, con cui Inimicizie collabora sin dai primi passi di entrambi i nostri progetti, ci offrono invece un quadro d’insieme che – almeno nel breve periodo – non appare roseo per la Cina, all’indomani del ventesimo congresso del Partito Comunista Cinese. E ci hanno voluto fornire qualche dato a riguardo.

Pubblico volentieri il loro contributo.

Xi Jinping si dirige in treno verso il summit SCO di Samarcanda
Xi Jinping si dirige in treno verso il summit SCO di Samarcanda

LA LOTTA DELL’ECONOMIA CINESE CONTRO LE NUOVE SFIDE

Della Redazione di The Dome

Tutti attendono i dati ufficiali sulla crescita cinese nel periodo luglio-settembre.
Se la seconda economia più grande del mondo si contrae, ciò aumenta le possibilità di una recessione globale. L’obiettivo di Pechino – un tasso di crescita annuale del 5,5% – è ora fuori portata, sebbene i funzionari abbiano minimizzato la necessità di raggiungere l’obiettivo. La Cina ha evitato per un soffio la contrazione nel trimestre da aprile a giugno. Quest’anno, alcuni economisti non si aspettano alcuna crescita.

NESSUN SOLLIEVO FINO A INIZIO 2023

La Cina è afflitta da gravi problemi economici. La crescita è in stallo, la disoccupazione giovanile è a livelli record, il mercato immobiliare sta crollando e le aziende stanno lottando con ricorrenti problemi della catena di approvvigionamento. L’impatto della grave siccità, e le difficoltà sofferte dal suo vasto settore immobiliare – afflitto da un indebitamento eccessivo – sono due fattori importanti, ma la situazione è peggiorata molto dall’adesione di Pechino a una rigida politica zero-Covid [su Inimicizie crediamo invece si tratti di guerra commerciale N.d.R.].

Nelle ultime due settimane, otto megalopoli sono entrate in blocco totale o parziale. Insieme, questi centri vitali di produzione e trasporto ospitano 127 milioni di persone. Goldman Sachs ha stimato che le città colpite dai blocchi rappresentano il 35% del prodotto interno lordo (PIL) cinese. Dopo più di due anni dall’inizio della pandemia, Pechino si attiene al suo approccio estremo al virus con quarantene forzate, test obbligatori di massa e blocchi improvvisi.

Navi container in coda al porto di Shangai, a causa delle politiche "zero covid" del governo cinese
Navi container in coda al porto di Shangai, a causa delle politiche “zero covid” del governo cinese

LAVORO E MERCATO IMMOBILIARE

Il mercato del lavoro cinese è peggiorato negli ultimi mesi.
I dati più recenti hanno mostrato che il tasso di disoccupazione, tra i 16 ei 24 anni, ha raggiunto il massimo storico del 19,9% a luglio, il quarto mese consecutivo in cui ha battuto i record. Altri economisti affermano che quest’anno sono probabili ulteriori perdite di posti di lavoro, poiché le misure di distanziamento sociale danneggiano le industrie della ristorazione e della vendita al dettaglio, il che a sua volta aumenta la pressione sui produttori.

L’intensificarsi della flessione del mercato immobiliare è un altro grande ostacolo. Il settore, che rappresenta fino al 30% del PIL cinese, è stato paralizzato da una campagna governativa – iniziata nel 2020 – atta a frenare i prestiti sconsiderati e il commercio speculativo. I prezzi degli immobili sono in calo, così come le vendite di nuove case.
Pechino è intervenuta ad agosto, annunciando un piano da 1 trilione di yuan (203 miliardi di dollari) per aiutare le piccole imprese, le infrastrutture e il settore immobiliare. Ciò comporta investire di più nelle infrastrutture, allentare le condizioni di prestito per gli acquirenti di case, i promotori immobiliari e il governo locale. E agevolazioni fiscali per le famiglie.

Iscriviti al canale telegram

L’EFFETTO DEL CLIMA

Il clima estremo sta iniziando ad avere un impatto duraturo sulle industrie cinesi.
Ad agosto una forte ondata di caldo – seguita da una forte siccità – ha colpito la provincia sud-occidentale del Sichuan e la città di Chongqing, nella cintura centrale. L’impennata della domanda di aria condizionata, ha travolto la rete elettrica di una regione che dipende quasi interamente dall’energia idroelettrica. Le fabbriche, inclusi i principali produttori come iPhone Foxconn e Tesla, sono state costrette a ridurre le ore o chiudere del tutto.

L’ufficio statistico cinese ha dichiarato ad agosto che i profitti nel solo settore siderurgico sono diminuiti di oltre l’80% nei primi sette mesi del 2022, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Pechino alla fine è venuta in soccorso con decine di miliardi di dollari per sostenere le aziende energetiche e gli agricoltori.

IL MERCATO TECNOLOGICO CINESE PERDE INVESTITORI

Tencent e Alibaba hanno registrato il loro primo calo delle entrate nell’ultimo trimestre: I profitti del gigante tecnologico e dell’intrattenimento Tencent sono diminuiti del 50%, mentre l’utile netto del colosso e-commerce Alibaba è diminuito della metà. Decine di migliaia di giovani lavoratori hanno perso il lavoro, aggravando una crisi occupazionale che vede già una persona su cinque – tra i 16 ei 24 anni – disoccupata. Ciò potrebbe danneggiare la produttività e la crescita della Cina a medio/lungo termine.

Gli investitori stanno anche avvertendo un cambiamento politico a Pechino: Alcune delle società private di maggior successo della Cina sono state sottoposte a un controllo più stretto da parte del Partito, mentre si consolida ulteriormente la posizione di potere del “compagno segretario” Xi Jinping. Mentre le aziende statali sembrano guadagnare il favore di Pechino, gli investitori stranieri si ritirano dal mercato.

La banca giapponese Softbank ha ritirato un’enorme quantità di denaro da Alibaba, mentre la Berkshire Hathaway di Warren Buffet sta vendendo la sua partecipazione nel produttore di veicoli elettrici BYD. Tencent ha avuto più di 7 miliardi di dollari di investimenti ritirati solo nella seconda metà di quest’anno.

Tutti questi segnali evidenziano un momento di difficoltà temporaneo, o presagiscono una crisi strutturale della Cina Popolare?

Seguite il canale telegram di The Dome

Sostieni Inimicizie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...