La prospettiva strategica russa

La non-dottrina Gerasimov

Smettiamo per un attimo di parlare di Afghanistan.

Recentemente, ho letto “Russian political warfare” di Mark Galeotti, un libro senza dubbio interessante, per quanto magari non interamente condivisibile, di cui potrei in futuro scrivere una recensione, che analizza la strategia russa riprendendo le idee elaborate da George Kennan all’alba della guerra fredda.

Un caso di cui Galeotti parla nel suo lavoro è quello della cosiddetta “Dottrina Gerasimov“, un termine da lui coniato per errore, che poi si scusò per aver creato.
Questo termine deriva da un discorso tenuto nel 2013 dall’allora (e attuale) Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa, Valery Gerasimov, durante un meeting con importanti esponenti governativi e delle forze armate.
Nel suo discorso, Gerasimov presenta una lettura delle primavere arabe e delle rivoluzioni colorate, evidenziando come la NATO (non nominata, ma il riferimento è implicito) stia applicando nuove tecniche di guerra e come la Russia deve reagire, imparando a difendersi e anche facendole proprie.

Il milieu degli studi strategici occidentali, e il “complesso ibrido-industriale” (termine coniato da Galeotti per descrivere coloro che giustificano la propria carriera con l’esistenza di una “minaccia ibrida” russa) mal interpretarono questo discorso, forse per errore, forse con dolo, attribuendogli il valore di una dottrina. In realtà, altro non era che una constatazione delle nuove forme di guerra e una previsione di quella che sarebbe stata la guerra del futuro.
Ho deciso quindi di riportarlo per intero su questo blog tradotto in italiano (si poteva sicuramente fare di meglio, ma non ve ne sono altre versioni), così come trovato sul giornale russo, il “Corriere militare-industriale”, che l’ha originariamente pubblicato, a scopo divulgativo.

Penso che sia utile divulgare il discorso di Gerasimov, non solo perchè delinea in modo molto preciso le caratteristiche della guerra di domani, quindi dal punto di vista degli studi strategici, ma anche e soprattutto dal punto di vista politico.

Sentiamo di continuo opinioni, valide o meno valide, riguardo a come noi percepiamo la Russia e come dobbiamo interagire con la Russia; è interessante vedere anche come la Russia percepisce noi, ovvero come si senta aggredita e minacciata tanto quanto la NATO si sente minacciata dalla Russia, anzi, molto di più. Ed è un argomento di cui parleremo ancora su questo blog.

Ma ora, spazio a Gerasimov (le immagini sono mie, non sono presenti nell’articolo originale).

(Da destra) Gerasimov, Putin e il ministro della difesa Shoygu, durante un esercitazione nell’estremo oriente russo

Principali tendenze nello sviluppo delle forme e dei metodi di impiego delle Forze Armate e i compiti urgenti della scienza militare per migliorarli

Nel XXI secolo, c’è una tendenza a sfumare la distinzione tra guerra e pace. Le guerre non vengono più dichiarate, e una volta iniziate non seguono il modello a cui siamo abituati.

L’esperienza dei conflitti militari, compresi quelli associati alle cosiddette rivoluzioni di colore in Nord Africa e in Medio Oriente, conferma che in pochi mesi o addirittura giorni uno stato abbastanza prospero può trasformarsi in un’arena di feroce lotta armata, diventare una vittima dell’intervento straniero, precipitare nell’abisso del caos, del disastro umanitario e della guerra civile.

Lezioni dalla primavera araba

Naturalmente, sarebbe facile dire che gli eventi della primavera araba non costituiscono una guerra, quindi noi, i militari, non abbiamo nulla da imparare da essi. Forse, invece, è il contrario – questi eventi sono forse una tipica guerra del XXI secolo?

In termini di vittime, di portata della distruzione e delle catastrofiche conseguenze sociali, economiche e politiche, questi nuovi tipi di conflitti hanno conseguenze paragonabili a quelle della guerra vera e propria.

E le stesse “regole della guerra” sono cambiate significativamente. Il ruolo dei mezzi non militari, che in alcuni casi sono molto più efficaci delle armi per raggiungere obiettivi politici e strategici, è aumentato.

L’enfasi dei metodi di guerra utilizzati si sta spostando verso l’uso su larga scala di misure politiche, economiche, informative, umanitarie e altre misure non militari, catalizzate con lo sfruttamento del potenziale di protesta della popolazione. Il tutto è completato da misure militari coperte, compreso l’uso della guerra d’informazione e delle forze speciali. L’uso palese della forza, spesso sotto le mentite spoglie del mantenimento della pace e della gestione delle crisi, viene utilizzato solo ad un certo punto, principalmente per ottenere il successo finale nel conflitto.

Da qui sorgono le logiche domande: Cos’è la guerra moderna? Per cosa dovrebbe essere preparato l’esercito? Come dovrebbe essere armato? Solo rispondendo a queste domande possiamo determinare le direzioni a lungo termine, per la costruzione e lo sviluppo delle Forze Armate.

Per questo, dobbiamo avere un’idea chiara di quali forme e metodi di guerra incontreremo.

Si stanno introducendo tecniche non convenzionali accanto a quelle tradizionali. Il ruolo dei raggruppamenti mobili interforze di truppe che operano in un unico spazio di intelligence e informazione sta aumentando, utilizzando le nuove capacità dei sistemi di comando e supporto.

Le operazioni militari stanno diventando più dinamiche, attive ed efficaci. Le pause tattiche e operative che potrebbero essere sfruttate dagli avversari stanno scomparendo. Le nuove tecnologie d’informazione hanno ridotto significativamente il divario di spazio, tempo e informazioni tra le truppe e il comando e controllo. Gli scontri frontali tra grandi gruppi di truppe a livello strategico e operativo stanno gradualmente diventando un ricordo del passato. L’impatto a distanza senza contatto col nemico sta diventando il modo principale per raggiungere gli obiettivi nel combattimento e nelle operazioni.

Le distinzioni tra livello strategico, operativo e tattico; tra azioni offensive e difensive, si stanno cancellando. L’uso di armi di precisione si sta diffondendo. Armi basate su nuovi principi fisici e sistemi robotici vengono attivamente introdotte negli affari militari.

Le azioni asimmetriche sono diffuse, rendendo possibile il livellamento della superiorità del nemico nella lotta armata. Queste includono l’uso di operazioni speciali e di forze di opposizione interne per creare un fronte permanente su tutto il territorio dello stato avversario, così come le tecniche di influenzamento dell’informazione, le cui forme e metodi sono in costante miglioramento.

I cambiamenti in corso si riflettono nella visione dottrinale dei principali paesi del mondo, che viene poi messa alla prova nei conflitti militari.

Già nel 1991, l’esercito americano durante Desert Storm in Iraq mise in pratica i concetti di “diffusione globale – potenza globale” e “operazione aria-terra”. Nel 2003, durante l’operazione Iraqi Freedom, le operazioni militari sono state condotte secondo la cosiddetta Single Vision 2020.

I concetti di “Global Strike” e “Global ABM”, che prevedono di colpire installazioni e truppe nemiche praticamente ovunque nel mondo, in poche ore, mettendosi allo stesso tempo al riparo da danni inaccettabili causati da un attacco di rappresaglia, sono stati sviluppati.

Gli Stati Uniti stanno anche mettendo in pratica le disposizioni della dottrina delle operazioni globalmente integrate, volte a creare raggruppamenti di truppe interforze altamente mobili nel più breve tempo possibile.

Nei conflitti recenti, sono emerse nuove modalità di guerra che non possono essere viste come puramente militari.

Un esempio è l’operazione in Libia, dove è stata stabilita una no-fly zone, è stato applicato un blocco navale e sono state ampiamente utilizzate compagnie militari private in stretta collaborazione con le formazioni armate di opposizione.

Dobbiamo ammettere che, sebbene comprendiamo l’essenza della guerra tradizionale condotta dalle forze armate regolari, la nostra conoscenza delle forme e dei metodi asimmetrici di guerra è superficiale.

Pertanto, si prefigura un ruolo crescente per la scienza militare, che dovrebbe creare una teoria coerente di tali azioni. Il lavoro e la ricerca dell’Accademia delle Scienze Militari potrebbero aiutare.

Truppe dell'esercito russo in Latakia, Siria
Truppe dell’esercito russo in Latakia, Siria

Obiettivi della scienza militare

Quando si parla di nuove forme e metodi di lotta armata, non dobbiamo dimenticare l’esperienza domestica. Ad esempio l’uso di unità partigiane nella Grande Guerra Patriottica e la lotta contro le formazioni irregolari in Afghanistan e nel Caucaso del Nord.

Vorrei sottolineare durante la guerra afgana sono stati sviluppati forme e metodi di guerra innovativi. Si basavano sulla sorpresa, l’alto ritmo dell’avanzata, l’abile impiego di assalti aerei tattici e di pattuglie. Nel loro insieme, permettevano di prevenire le azioni del nemico e di infliggere danni tangibili.

Un altro fattore che ha influenzato l’evoluzione delle moderne tecniche di combattimento militare è stato l’uso di moderni sistemi robotici militari e la ricerca nel campo dell’intelligenza artificiale. Oltre ai droni che volano oggi, il campo di battaglia di domani sarà pieno di robot che camminano, strisciano, saltano e volano. In un futuro non troppo lontano, potrebbero essere create formazioni completamente robotizzate in grado di fare una guerra indipendente.

Come combattere in queste condizioni? Quali dovrebbero essere le forme e i metodi d’azione contro un avversario robotico? Di che tipo di robot abbiamo bisogno e come li usiamo? Già ora, il nostro pensiero militare dovrebbe pensare a queste domande.

L’insieme più importante di problemi che richiedono molta attenzione è legato al miglioramento delle forme e dei metodi di impiego dei raggruppamenti di truppe. È necessario ripensare il contenuto delle operazioni strategiche delle forze armate della Federazione Russa. Ci si pone già delle domande: c’è bisogno di così tante operazioni strategiche? Che tipo di operazioni e di quante ne avremo bisogno in futuro? Non ci sono ancora risposte.

Ci sono anche altri problemi che dobbiamo affrontare nelle nostre attività quotidiane.

Siamo ora alla fase finale della costuzione del Sistema di Difesa Aerospaziale (ADF). A questo proposito, la questione dello sviluppo delle forme e dei metodi di azione delle forze e dei mezzi coinvolti nella IAD è rilevante. Lo Stato Maggiore sta già facendo questo lavoro. Le forze di difesa aerea sono invitate a prendervi parte attiva.

La guerra d’informazione offre ampie opportunità asimmetriche per ridurre le capacità di combattimento del nemico. In Nord Africa, abbiamo assistito all’implementazione di tecnologie per influenzare le strutture statali e la popolazione con l’aiuto delle reti di informazione. È necessario migliorare le azioni nello spazio dell’informazione, compresa la protezione dei propri obiettivi.

L’operazione per costringere la Georgia alla pace ha rivelato la mancanza di approcci uniformi riguardo l’uso delle forze armate al di fuori della Federazione Russa. L’attacco del settembre 2012 al consolato degli Stati Uniti nella città libica di Bengasi, l’intensificazione della pirateria e la recente presa di ostaggi in Algeria confermano l’importanza di costruire un sistema di protezione armata degli interessi dello Stato al di fuori del suo territorio.

Nonostante il fatto che gli emendamenti alla legge federale “Sulla Difesa”, che permette l’uso immediato delle formazioni delle Forze Armate russe al di fuori del suo territorio, siano stati fatti già nel 2009, le forme e i modi delle loro azioni non sono stati definiti. Inoltre, le questioni per garantire l’uso operativo a livello di agenzia non sono state risolte. Queste includono l’introduzione di procedure semplificate per l’attraversamento del confine di stato, l’uso dello spazio aereo e delle acque territoriali di stati stranieri, la procedura di interazione con le autorità del paese ospitante e altri.

C’è bisogno di un lavoro congiunto con le organizzazioni scientifiche dei ministeri e dei dipartimenti interessati a questo problema.

Una delle forme di utilizzo delle forze armate all’estero è l’operazione di mantenimento della pace. Oltre ai mezzi d’azione tradizionali delle truppe, può includere anche mezzi specifici: speciali, umanitari, di salvataggio, di evacuazione, di cordone, di cura e altri. Attualmente la classificazione e l’essenza di questi mezzi non sono stati chiaramente definiti.

Inoltre, i compiti complessi e sfaccettati del mantenimento della pace, che le truppe regolari potrebbero dover svolgere, implicano la creazione di un sistema fondamentalmente diverso per la loro formazione. Dopo tutto, il compito delle forze di pace è quello di separare le parti in conflitto, proteggere e salvare la popolazione civile, aiutare a ridurre il potenziale di ostilità e stabilire una vita pacifica. Tutto questo deve essere elaborato scientificamente.

Forze speciali turche con drone di ricognizione
Forze speciali turche con drone di ricognizione

Controllo del territorio

La protezione della popolazione, delle strutture e delle comunicazioni dalle azioni delle forze operative speciali del nemico è di particolare rilevanza nei conflitti moderni, data la crescente portata del loro utilizzo. La soluzione a questo problema è data dall’organizzazione e dalla condotta della difesa territoriale.

Fino al 2008, quando il personale delle forze armate superava i 4,5 milioni, questi compiti erano gestiti esclusivamente da loro. Ma le condizioni sono cambiate. Ora, contrastare il sabotaggio, la ricognizione e le forze terroristiche può essere possibile solo attraverso l’uso integrato di tutte le forze di sicurezza dello Stato.

Lo Stato Maggiore ha iniziato questo lavoro. Si basa sul chiarimento degli approcci all’organizzazione della difesa territoriale, che si riflette negli emendamenti alla legge federale “Sulla difesa”. Con l’adozione del progetto di legge dovremo specificare il sistema di gestione della difesa territoriale, fissare legalmente il ruolo e il posizionamento di altre truppe, formazioni militari, agenzie e altre strutture statali nella sua gestione.

La scienza militare, tra le altre cose, dovrà fornire raccomandazioni motivate sulla procedura per l’uso di diverse forze e mezzi nello svolgimento dei compiti di difesa del territorio e dei metodi di lotta contro le forze terroristiche e sovversive del nemico in condizioni moderne.

L’esperienza delle operazioni militari in Afghanistan e in Iraq ha mostrato la necessità di elaborare, insieme alle strutture scientifiche di altri ministeri e dipartimenti della Federazione Russa, il ruolo e il grado di partecipazione delle forze armate nel regolamento post-conflitto, lo sviluppo della lista dei compiti, dei metodi di azione delle truppe e la definizione dei limiti dell’uso della forza militare.

Una questione importante è lo sviluppo di un apparato scientifico e metodologico per il supporto decisionale, tenendo conto della natura specifica dei raggruppamenti di truppe. È necessario condurre uno studio delle capacità integrate che combini le capacità di tutte le forze e le truppe che le compongono. Il problema qui è che i modelli esistenti di operazioni e di combattimento non permettono di farlo. Sono necessari nuovi modelli.

I cambiamenti nella natura dei conflitti militari, lo sviluppo dei mezzi di lotta armata, le forme e i metodi della loro applicazione, stanno imponendo nuove necessità. Questo è un altro settore dell’attività scientifica che non deve essere dimenticato.

Spetsnaz russi in Cecenia, 1995
Spetsnaz russi in Cecenia, 1995

Le idee non possono essere generate dall’alto

Lo stato della scienza militare nazionale oggi non può essere paragonato alla fioritura del pensiero teorico militare nel nostro paese alla vigilia della seconda guerra mondiale.

Naturalmente, ci sono ragioni sia oggettive che soggettive per questo, e non si può incolpare nessuno in particolare. Non sono stato io a dire che le idee non possono essere generate da ordini.

Sono d’accordo con questo, ma non posso non riconoscere un’altra cosa: a quel tempo non c’erano dottori o candidati alle scienze, non c’erano scuole o direzioni scientifiche. C’erano individui straordinari con idee brillanti. Li chiamerei fanatici della scienza nel senso buono della parola. Forse oggi ci mancano proprio queste persone.

Come, per esempio, il commodoro Georgy Isserson, che, nonostante le sue opinioni prebelliche, pubblicò il libro “New Forms of Fighting”. In esso, il teorico militare sovietico ha predetto: “La guerra non è affatto dichiarata. Viene semplicemente avviata dalle forze armate schierate in anticipo. La mobilitazione e la concentrazione non si limitano al periodo successivo allo stato di guerra, come nel 1914, ma iniziano invisibilmente, gradualmente, molto prima. Il destino di “un profeta nella sua patria” è stato tragico. Il nostro paese ha pagato con molto sangue per non aver ascoltato le conclusioni del professore dell’Accademia di Stato Maggiore.

Da qui la conclusione. Il disprezzo per le nuove idee, per gli approcci non convenzionali, per un diverso punto di vista nella scienza militare è inammissibile. E a maggior ragione è inaccettabile la trascuratezza della scienza da parte dei praticanti.

In conclusione voglio dire che non importa quanto sia forte il nemico, non importa quanto siano perfette le sue forze e i suoi mezzi di lotta armata, le forme e i metodi del loro uso, ci saranno sempre delle vulnerabilità, e quindi c’è la possibilità di rispondere adeguatamente.

Allo stesso tempo, non dobbiamo copiare l’esperienza di qualcun altro e inseguire i paesi leader, ma essere davanti a loro ed essere noi stessi nelle posizioni apicali. Anche qui, la scienza militare ha un ruolo importante da svolgere.

L’eminente scienziato militare sovietico Alexander Svechin ha scritto: “La situazione di guerra… è insolitamente difficile da anticipare. Per ogni guerra, è necessario sviluppare una linea speciale di comportamento strategico, e ogni guerra è un caso speciale che richiede l’istituzione di una propria logica speciale, piuttosto che l’applicazione di qualsiasi modello.”

Questo approccio è ancora attuale. In effetti, ogni guerra rappresenta un caso speciale, che richiede una comprensione della sua logica specifica, della sua unicità. Pertanto, la natura della guerra in cui la Russia o i nostri alleati possono trovarsi coinvolti oggi è molto difficile da prevedere. Tuttavia, questo problema deve essere risolto. È inutile qualsiasi ricerca scientifica nella scienza militare, se la teoria militare non prevede una funzione di previsione.

Per risolvere i numerosi problemi che la scienza militare deve affrontare oggi, lo Stato Maggiore si affida all’assistenza dell’AWS, che ha riunito nei suoi ranghi scienziati militari di primo piano ed esperti autorevoli.

Sono convinto che gli stretti legami tra l’Accademia delle Scienze Militari e lo Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa continueranno a svilupparsi e a migliorare.

Valery Gerasimov,

Capo dello Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa, generale dell’esercito

Pubblicato nel numero 8 (476) del 27 febbraio 2013

Valery Gerasimov, Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa
Valery Gerasimov, Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa

Un pensiero riguardo “La prospettiva strategica russa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...